Variazioni sul jazz. Critica della musica come merce - Theodor W. Adorno

Variazioni sul jazz. Critica della musica come merce

Variazioni sul jazz. Critica della musica come merce

Il pensiero di Theodor W. Adorno è attualmente oggetto di un'importante opera di riscoperta al centro della quale si situa, accanto alla parte più squisitamente filosofico-teoretica del suo pensiero, la sua filosofia della musica. Anziché concentrarsi esclusivamente sull'analisi dei fenomeni più tradizionali e "colti" - in primis la musica classica - l'Adorno musicologo preferisce estendere la propria indagine a quelle produzioni popular legate all'ambito dell'industria culturale, tra le quali figura il jazz. In questo volume sono presentati per la prima volta in italiano i principali saggi sul jazz del filosofo tedesco, rivelatisi fondamentali per la nascita degli studi sul genere e per l'affermazione del campo di ricerca autonomo conosciuto come "Popular Music Studies". Un'opera essenziale per comprendere la concezione di uno dei primi autori che ispezionò, spesso in modo fortemente critico, il jazz come materia di studio per il pensiero filosofico. Come affermava il celebre musicologo Richard Middleton: "Chiunque creda che sia importante studiare la popular music deve far proprio il pensiero di Adorno. Per quanto questa teoria si presenti a volte problematica, la sua forza è innegabile".

Info

TitoloVariazioni sul jazz. Critica della musica come merce
AutoreTheodor W. Adorno
Casa editriceMimesis
LinguaItaliano
EAN9788857546919
ISBN8857546918
14 €
Le scorte di questo libro sono esaurite. Prova a contattarci!

Questo sito usa solo cookies indispensabili al suo funzionamento. Nessuna informazione sarà condivisa con terze parti. ;)

Vai al carrello