Linguaggio collaterale. Retoriche della «guerra al terrorismo» - J. Collins

Linguaggio collaterale. Retoriche della «guerra al terrorismo»

Linguaggio collaterale. Retoriche della «guerra al terrorismo»

Sebbene il linguaggio regoli sempre le nostre vite, gli effetti che produce durante la guerra sono unici. Come l'espressione "danno collaterale" descrive un danno a persone e cose formalmente estranee agli obiettivi previsti da un'azione militare, così "linguaggio collaterale" si riferisce a quanto la pratica della guerra aggiunge al nostro lessico corrente, e alle connotazioni che certi termini assumono in tempi di guerra. Il linguaggio, come il terrorismo, tiene sotto tiro i cittadini e produce paura con l'obiettivo di realizzare un cambiamento politico. Incurante della veridicità delle parole, il linguaggio collaterale produce degli effetti che vanno al di là del suo significato.

Info

TitoloLinguaggio collaterale. Retoriche della «guerra al terrorismo»
AutoreJ. Collins
Casa editriceOmbre Corte
LinguaItaliano
EAN9788887009774
ISBN8887009775
18 €

Questo sito usa solo cookies indispensabili al suo funzionamento. Nessuna informazione sarà condivisa con terze parti. ;)

Vai al carrello