La critica del linguaggio come linguaggio della critica - Internationale situationiste

La critica del linguaggio come linguaggio della critica

La critica del linguaggio come linguaggio della critica

L’Internationale Situationniste nella sua critica teorica e pratica della società dello spettacolo ovviamente si è occupata anche del linguaggio. Le parole, come le immagini, hanno un potere ed esprimono quei poteri a cui sono assoggettate, cui servono. Una critica radicale della società esistente non può prescindere dalla critica radicale del linguaggio, dei suoi usi, dei suoi monopoli ideologici. Ripresentare in versione italiana due testi apparsi sulla rivista Internationale Situationniste intorno al linguaggio, in qualche modo esprime l’ambizione del progetto cui tendiamo: scardinare i meccanismi produttivi del e nel linguaggio, per costruire la nuova lingua della liberazione, la capacità di esprimere, contro le codificazioni, le ricchezze possibili della libertà e, dunque, della “nuova poesia”: quella della vita che si realizza. Il testo ripropone in versione italiana: All the king’s men e Les mots captifs (parole prigioniere), prèface à un dictionnaire situationniste.

Info

TitoloLa critica del linguaggio come linguaggio della critica
AutoreInternationale situationiste
Casa editriceNautilus
LinguaItaliano
2 €
Le scorte di questo libro sono esaurite. Prova a contattarci!

Questo sito usa solo cookies indispensabili al suo funzionamento. Nessuna informazione sarà condivisa con terze parti. ;)

Vai al carrello