Note A Margine: Elogio del margine/ Scrivere al buio di bell hooks (Tamu edizioni) con Maria Nadotti + Poetry performance

30 giugno 2021
18:30
Largo Banchi Nuovi, 80134 Napoli NA, Italia

Il secondo incontro della rassegna Note a margine, a cura di Tamu Edizioni e Tamu Libreria, avrà come ospite la traduttrice e saggista Maria Nadotti, co-autrice con bell hooks di Elogio del margine/Scrivere al buio (Tamu edizioni). L'incontro vuole essere un dialogo collettivo a partire dai temi del libro: il margine come punto di osservazione, come luogo della possibilità, della ridefinizione di nuovi significati.

Come ci parlano i testi di bell hooks? Come parlano ai margini che incrociamo, che attraversiamo, che viviamo? Quali strumenti possiamo cogliere per una ridefinizione collettiva di nuove pratiche e nuove alleanze, dentro e contro questi margini?


A seguire:
Letture da "Elogio del margine" di Wii Houbabi

POETRY PERFORMANCE: “Metalli pesanti” di Vittorio Zollo (Zoopalco)



Il margine è la casa all’epoca della segregazione razziale, governata dalle donne nere come luogo di protezione dalla violenza razzista e di sviluppo di un senso del bello diverso dalla “grande arte” dei bianchi. La scelta di non dimenticare il margine una volta raggiunto il centro, come nella traiettoria dell’autrice che dal sud ghettizzato degli Stati Uniti è diventata un’importante teorica femminista, permette di continuare un percorso di lotta in campo estetico e politico, dando un nome allo sguardo delle spettatrici nere al cinema, promuovendo teorie estetiche che mettano in dialogo intellettuali e persone comuni oppure denunciando il sessismo interno alla stessa comunità nera.

Nei saggi di Elogio del margine, bell hooks ci mostra “scelte e luoghi” in cui si è svolta e si svolge la resistenza all’oppressione delle donne afroamericane in vista di una liberazione che coinvolge tutti, donne e uomini.

In Scrivere al buio, dialogo critico e allo stesso tempo intimo con Maria Nadotti, i temi chiave del pensiero di bell hooks, tra i quali la contestazione di quel femminismo bianco che rappresentando le donne come un’unica “casta” nega le differenze tra le donne stesse, vengono messi alla prova di argomenti ordinari: i rapporti familiari e di coppia, l’istruzione, l’uso del denaro, la pratica della scrittura. Il pensiero femminista nasce dall’esperienza personale di oppressione e deve perciò parlare alle donne di condizione meno agiata, non chiudersi in un linguaggio per pochi che consente il mantenimento dello status quo.



Con entrambe le iniziali minuscole, bell hooks, pseudonimo di Gloria Jean Watkins, è nata a Hopkinsville, Kentucky, nel 1952. A 19 anni scrive quello che diventerà il suo primo libro, Ain’t I a Woman, il primo di una ricchissima produzione di testi riguardanti il pensiero femminista, la pedagogia, le relazioni amorose, la maschilità nera, la rappresentazione degli afroamericani al cinema e nei media, a cui si accompagna una serie di scritti autobiografici. È stata a lungo docente universitaria, prima in alcune prestigiose università degli Stati Uniti, tra cui Yale, e più recentemente in Kentucky, dove è tornata a vivere.


Maria Nadotti è una giornalista, saggista, consulente editoriale e traduttrice. Scrive di teatro, cinema, arte e cultura per testate italiane ed estere. Ideatrice di numerosi volumi, è curatrice e traduttrice dell’opera di John Berger. Tra i suoi libri: Sesso & Genere (il Saggiatore, 1996); Prove d’ascolto (Edizioni dell’asino, 2011); Trasporti e traslochi. Raccontare John Berger (Doppiozero, 2014); Necrologhi. Pamphlet sull’arte di consumare (il Saggiatore, 2015).


Note A Margine: Elogio del margine/ Scrivere al buio di bell hooks (Tamu edizioni) con Maria Nadotti + Poetry performance

Questo sito usa solo cookies indispensabili al suo funzionamento. Nessuna informazione sarà condivisa con terze parti. ;)

Vai al carrello