Indietro
Mediterraneo blues
  • Clicca per ingrandire
Mediterraneo blues
€10.00

Il blues del Mediterraneo è rap, elettronica, raï, rebetiko e trap, ed è la colonna sonora nelle metropoli del sud del mondo, dal Cairo a Nairobi passando per Napoli, in cui non esiste distinzione tra musiche autentiche e musiche importate.
I suoni non rispettano i confini nazionali e portano con sé le tracce della distruzione e allo stesso tempo della sopravvivenza del colonialismo europeo, perché quella storia è inscritta nelle lingue e nei ritmi di oggi.

L’obiettivo di questo libro piccolo e pulsante non è semplicemente quello di “creare scompiglio” scegliendo di raccontare la storia non attraverso fatti e pensieri, ma attraverso i suoni. È piuttosto quello di mostrare una narrazione diversa, in cui il sud del mondo si rivela parte fondamentale della modernità fin dal suo inizio e non elemento estraneo e sempre in ritardo, sempre indietro, rispetto al nord.

Nei versi di Mahmood, nella chitarra elettrica dei Tinariwen, nel successo di Umm Kalthum e nelle ricerche sulla voce di Demetrio Stratos, è nascosto un chiaro invito ad abbandonare ogni tentativo di distinguere una volta per tutte ciò che è culturalmente “nostro” dal “loro” e a capire che non solo la musica, ma anche concetti come la cittadinanza e la democrazia viaggiano, vengono tradotti e trasformati.
I suoni registrano questi percorsi e ci fanno ascoltare altre storie.

Mediterraneo blues: musiche, malinconia postcoloniale, pensieri marittimi è uscito per la prima volta per i tipi di Bollati Boringhieri nel 2012. Questa nuova edizione, rivista e ampliata, include il capitolo inedito Lezioni dal sud.

 

Iain Chambers è nato nel 1949 nel nord dell'Inghilterra. Si è specializzato in Studi culturali presso il Centre for Contemporary Cultural Studies dell’Università di Birmingham, prima di stabilirsi a Napoli dove ha insegnato fino al 2019, tenendo corsi di teoria culturale e postcoloniale all’Università L’Orientale. La sua ricerca interdisciplinare verte sulla musica e sulle culture popolari e metropolitane.

Tra le sue pubblicazioni italiane più importanti: Sulla soglia del mondo. L'altrove dell'Occidente (Meltemi 2003), Le molte voci del Mediterraneo (Raffaello Cortina 2007), Ritmi urbani: pop music e cultura di massa (nuova edizione, Meltemi 2018), Paesaggi migratori: cultura e identità nell'epoca postcoloniale(nuova edizione, Meltemi 2018), La questione mediterranea (con Marta Cariello, Mondadori, 2019). I suoi libri sono stati pubblicati e tradotti in inglese, spagnolo, tedesco, giapponese e turco.

Mediterraneo blues
€10.00

Il blues del Mediterraneo è rap, elettronica, raï, rebetiko e trap, ed è la colonna sonora nelle metropoli del sud del mondo, dal Cairo a Nairobi passando per Napoli, in cui non esiste distinzione tra musiche autentiche e musiche importate.
I suoni non rispettano i confini nazionali e portano con sé le tracce della distruzione e allo stesso tempo della sopravvivenza del colonialismo europeo, perché quella storia è inscritta nelle lingue e nei ritmi di oggi.

L’obiettivo di questo libro piccolo e pulsante non è semplicemente quello di “creare scompiglio” scegliendo di raccontare la storia non attraverso fatti e pensieri, ma attraverso i suoni. È piuttosto quello di mostrare una narrazione diversa, in cui il sud del mondo si rivela parte fondamentale della modernità fin dal suo inizio e non elemento estraneo e sempre in ritardo, sempre indietro, rispetto al nord.

Nei versi di Mahmood, nella chitarra elettrica dei Tinariwen, nel successo di Umm Kalthum e nelle ricerche sulla voce di Demetrio Stratos, è nascosto un chiaro invito ad abbandonare ogni tentativo di distinguere una volta per tutte ciò che è culturalmente “nostro” dal “loro” e a capire che non solo la musica, ma anche concetti come la cittadinanza e la democrazia viaggiano, vengono tradotti e trasformati.
I suoni registrano questi percorsi e ci fanno ascoltare altre storie.

Mediterraneo blues: musiche, malinconia postcoloniale, pensieri marittimi è uscito per la prima volta per i tipi di Bollati Boringhieri nel 2012. Questa nuova edizione, rivista e ampliata, include il capitolo inedito Lezioni dal sud.

 

Iain Chambers è nato nel 1949 nel nord dell'Inghilterra. Si è specializzato in Studi culturali presso il Centre for Contemporary Cultural Studies dell’Università di Birmingham, prima di stabilirsi a Napoli dove ha insegnato fino al 2019, tenendo corsi di teoria culturale e postcoloniale all’Università L’Orientale. La sua ricerca interdisciplinare verte sulla musica e sulle culture popolari e metropolitane.

Tra le sue pubblicazioni italiane più importanti: Sulla soglia del mondo. L'altrove dell'Occidente (Meltemi 2003), Le molte voci del Mediterraneo (Raffaello Cortina 2007), Ritmi urbani: pop music e cultura di massa (nuova edizione, Meltemi 2018), Paesaggi migratori: cultura e identità nell'epoca postcoloniale(nuova edizione, Meltemi 2018), La questione mediterranea (con Marta Cariello, Mondadori, 2019). I suoi libri sono stati pubblicati e tradotti in inglese, spagnolo, tedesco, giapponese e turco.


Specifiche
TitoloMediterraneo blues
AutoreIain Chambers
EditoreTamu
LinguaItaliano
Codice EAN9791280195012
CondizioniNuovo

Recensioni Utenti

Questo prodotto non è stato ancora recensito.

Scrivi una recensione

Scrivi recensione

Inserisci un indirizzo email valido.
Questo campo è richiesto.
Inizio

Powered by TamuLibri!

Mailing List

Inserisci la tua email per ricevere la nostra newsletter
Inserisci un indirizzo email valido.
Email già iscritta. Continue if you wish to unsubscribe.
Iscriviti
Cancellati

Powered by TamuLibri!

Seguici